Amministrazioneaziendale.com

Cancellazione protesti


Cancellazione protesti

La cancellazione dal Registro Informatico dei protesti può essere richiesta da:

debitore che esegue il pagamento di una cambiale o di un vaglia cambiario (unitamente ad interessi maturati e spese di protesto) entro 12 mesi dalla levata del protesto;

ufficiali levatori o gli istituti di credito, quando è stato proceduto illegittimamente od erroneamente alla levata del protesto (cambiali assegni);

• chiunque dimostri di aver subito a proprio nome un protesto erroneo o illegittimo (cambiali e assegni);

• debitore a cui il Presidente del Tribunale ha accordato il provvedimento di riabilitazione (cambiali e assegni).

Il debitore che provveda al pagamento della cambiale o del vaglia cambiario oltre il termine di 12 mesi dalla levata del protesto, per ottenere la cancellazione dal Registro informatico deve chiedere:

1. la riabilitazione al Presidente del Tribunale e successivamente presentare istanza di cancellazione al Presidente della Camera di Commercio;

2. oppure può chiedere l'inserimento dell' informazione aggiuntiva dell'avvenuto pagamento nel Registro Informatico.





Cancellazione protesto assegni

La normativa non prevede la cancellazione del protesto per gli assegni, anche se il pagamento è avvenuto entro un anno dalla levata del protesto. Quindi il debitore che provvede al pagamento dell'assegno può chiedere, dopo un anno dalla levata del protesto, la riabilitazione al Presidente del Tribunale competente e successivamente inoltrare istanza di cancellazione dal Registro Informatico al Presidente della Camera di Commercio (stesso iter per la cambiale pagata dopo un anno dalla levata del protesto). Come fare?

• l'interessato presenta domanda al Presidente della Camera di Commercio competente per territorio. La richiesta dovrà essere inoltrata compilando appositi moduli ed allegando il titolo quietanzato, l'atto di protesto, la ricevuta dell'avvenuto pagamento delle spese o interessi (in assenza delle ricevute, l'interessato compilerà apposito modulo di dichiarazione sostitutiva di atto notorio) o il provvedimento di riabilitazione

Marca da bollo da 14,62 euro

Diritti di segreteria 8 euro per ogni protesto

• Il Responsabile dirigente dell'ufficio, entro 20 giorni dalla presentazione della domanda, dopo aver accertato la regolarità del pagamento o l'erroneità del protesto, accoglie l'istanza e conseguentemente dispone la cancellazione

• Il provvedimento dovrà essere eseguito, entro 5 giorni dalla pronuncia dello stesso, mediante la cancellazione definitiva dal Registro Informatico dei dati del protesto.

Se gli accertamenti danno esito negativo, il Responsabile Dirigente dell'ufficio rigetta l'istanza.

Contro il provvedimento di rigetto l'interessato può ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria. Il Giudice competente è il Giudice di Pace del luogo in cui risiede il debitore protestato. La notizia di ciascun protesto levato è conservata nel Registro Informatico fino alla sua cancellazione. In mancanza di tale cancellazione la notizia del protesto è conservata per 5 anni a partire dalla data di registrazione.

IMPORTANTE: DOPO LA CANCELLAZIONE, IL PROTESTO E' CONSIDERATO A TUTTI GLI EFFETTI COME MAI AVVENUTO.





Cancellazione protesto cambiali - pagherò

Per la cancellazione dei protesti di cambiali e pagherò pagate entro i 12 mesi dalla data di scadenza la procedura da seguire è la seguente:

• compilo in ogni sua parte la domanda di cancellazione firmata esclusivamente dalla persona protestata, e la presento al Presidente della Camera di commercio che ha pubblicato il protesto.

Allego alla domanda:
- titolo in originale
- atto del protesto
- ricevuta di pagamento delle spese e interessi rilasciate dal beneficiario (se la domanda viene presentata entro 12 mesi compilo in alternativa il modulo di dichiarazione sostitutiva di atto notorio)
- marca da bollo da Euro 14,62
- diritti di segreteria Euro 8,00 per ogni protesto

Caso particolare
Se non ho il titolo in originale, non pagato alla scadenza perchè non era rintracciabile presso la banca d'appoggio, allego:
• estratto del repertorio rilasciato dall'ufficiale levatore
• ricevuta in originale, rilasciata dalla banca, per l'avvenuto deposito vincolato al portatore (art. 9 del D.P.R. 290/1975)
• dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui dichiaro il perchè non posso presentare il titolo in originale.

Cosa presento:

Per la domanda allo sportello
- documento d'identità

Per la domanda allo sportello da una persona delegata
- fotocopia documento d'identità del firmatario della domanda
- documento d'identità della persona delegata

Per la domanda via posta
- titolo in originale con atto di protesto
- attestazione in originale del versamento di Euro 8 per ogni protesto - sul c/c postale n° 982207 intestato alla Camera di commercio di Milano - Servizio Tesoreria - via Meravigli 11 - 20123 Milano, causale "protesti cambiari istanza di cancellazione legge 235/00"
- fotocopia documento d'identità


Per la cancellazione dei protesti di cambiali e pagherò pagate dopo i 12 mesi dalla data di scadenza la procedura da seguire è la seguente:

chiedo la riabilitazione al Tribunale territorialmente competente per residenza

• inoltro, poi, la domanda di cancellazione al Presidente della Camera di commercio che ha pubblicato il protesto.

Allego alla domanda:
- copia conforme all'originale del decreto di riabilitazione
- marca da bollo da Euro 14,62
- diritti di segreteria di Euro 8,00 per ogni protesto

• oppure, chiedo l'inserimento dell' informazione aggiuntiva dell'avvenuto pagamento nel Registro Informatico.

Cosa presento:
Per la domanda allo sportello
- documento d'identità

• Per la domanda allo sportello da una persona delegata
- fotocopia documento d'identità di chi firma la domanda
- documento d'identità della persona delegata

Per la domanda via posta
- copia conforme all'originale del decreto di riabilitazione
- marca da bollo da Euro 14,62
- attestazione in originale del versamento di Euro 8,00 per ogni protesto - sul c/c postale n° 982207 intestato alla Camera di commercio di Milano - Servizio Tesoreria - via Meravigli 11 - 20123 Milano, causale "protesti cambiari istanza di cancellazione legge 235/00"
- fotocopia documento d'identità