Amministrazioneaziendale.com

Ritenute alla fonte

Ritenute alla fonte

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Meccanismo in base al quale il sostituto d'imposta assume l'obbligazione di trattenere somme di denaro, che avrebbe dovuto corrispondere ad altro soggetto (sostituito), e di versarle al fisco a titolo di pagamento delle imposte dovute dal sostituito.

La ritenute alla fonte costituisce, quindi, una delle forme di riscossione delle imposte. Il sostituto è tenuto ad assolvere tale obbligo in ragione del fatto che egli detiene la disponibilità di somme che deve al soggetto passivo e che costituiscono reddito per quest'ultimo.



Le ritenute alla fonte sono di due tipi:

1) Ritenute alla fonte a titolo d'acconto. Sono operate, per i tributi diretti sugli emolumenti corrisposti a lavoratori dipendenti, nonché su indennità, gettoni e altri compensi costituenti redditi assimilabili a quelli di lavoro dipendente. Altre forme di ritenuta d'acconto sono operate sui compensi da corrispondere a terzi per prestazioni di lavoro autonomo o per prestazioni inerenti rapporti di agenzia, mediazione etc. Sono ancora previste ritenute d'acconto: per le società di capitali in relazione agli utili corrisposti ai soci, per le società ed enti che abbiano emesso obbligazioni o titoli similari, in relazione alle somme pagate a titolo di premio o interessi; per le banche, in relazione alle somme liquidate a titolo d'interesse ai depositanti o correntisti etc.;

2) Ritenute alla fonte a titolo d'imposta. In questi casi l'accantonamento operato è calcolato in misura tale che la somma trattenuta dal sostituto consenta al sostituito di adempiere per intero ed in via definitiva i propri obblighi tributari per quella parte di reddito che viene tassata. Un esempio di ritenuta alla fonte a titolo d'imposta è dato dalla ritenuta alla fonte operata in occasione del pagamento di premi e vincite derivanti dalla sorte, da giuochi di abilità, concorsi a premi etc.