Amministrazioneaziendale.com

La cartella esattoriale

La cartella esattoriale

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Nella cartella di pagamento si trova la descrizione di quanto si deve pagare, la tipologia del tributo, chi è l'ente creditore; dove, come ed entro quale scadenza effettuare il versamento; i soggetti a cui rivolgersi per presentare un eventuale ricorso; come e a chi chiedere la rateazione delle cartelle.


È molto importante leggere attentamente la cartella perché, dalla data di notifica, il contribuente ha 60 giorni di tempo per pagare. Se il pagamento è effettuato entro questo termine l'aggio dovuto all'Agente della riscossione (Adr), che è fissato per legge al 9% di quanto iscritto a ruolo, è a carico del contribuente in misura del 4,65%. Scaduti i 60 giorni, l'aggio è interamente a carico del contribuente e si aggiungono anche altri oneri: gli interessi di mora (maturati giornalmente dalla data di notifica) e tutte le eventuali ulteriori spese che deriverano dall'attivazione delle procedure di riscossione (iscrizione e cancellazione di ipoteca, ecc).

A partire dai ruoli consegnati agli Agenti della riscossione successivamente al 30 settembre 2010 entrerà in vigore il nuovo modello della cartella di pagamento, introdotto con provvedimento dell'Agenzia delle entrate del 20 marzo 2010 e frutto anche del confronto avvenuto tra Equitalia e associazioni dei consumatori. La cartella di pagamento notificata dagli agenti della riscossione del gruppo Equitalia ai contribuenti diventa più leggibile e chiara. Caratteri più grandi che agevolano la lettura del documento e informazioni più dettagliate consentiranno di comprendere con maggiore chiarezza la natura della somma richiesta. Il provvedimento dell'Agenzia delle entrate che ha introdotto il nuovo modello, frutto anche del confronto avvenuto tra Equitalia e associazioni dei consumatori, entrerà in vigore obbligatoriamente per le cartelle di pagamento relative ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione successivamente al 30 settembre 2010.

Guarda il fac-simile della cartella di pagamento attualmente in vigore



Come e dove pagare le cartelle esattoriali

La cartella di pagamento contiene uno o più bollettini di versamento precompilati, denominati Rav (in cui l’importo da versare è prestampato), che possono essere utilizzati esclusivamente se il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notifica della cartella.

I bollettini Rav possono essere utilizzati per il pagamento presso gli sportelli dell’Agente della riscossione (Adr) che li ha emessi, senza alcuna commissione aggiuntiva o, in alternativa, presso tutti gli sportelli della rete bancaria e postale (al costo fissato da Poste italiane o da ciascuna banca).

I bollettini Rav, infine, possono essere pagati attraverso i siti web e i call center delle società del Gruppo che offrono il servizio o attraverso i canali telematici messi a disposizione dagli istituiti di credito e da Poste italiane.

Ecco l'elenco degli Agenti della riscossione che offrono il servizio di pagamento tramite web:

- Equitalia E.TR. spa
- Equitalia Emilia Nord spa
- Equitalia Esatri spa
- Equitalia Friuli Venezia Giulia spa
- Equitalia Gerit spa
- Equitalia Nomos spa
- Equitalia Polis spa
- Equitalia Romagna spa
- Equitalia Sestri spa
- Equitalia Trentino Alto Adige-Südtirol spa