Amministrazioneaziendale.com

La ditta Individuale

Cos'è una ditta Individuale?

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La ditta individuale è la forma giuridica più semplice per iniziare una attività in proprio, in quanto per la costituzione della stessa non sono richiesti particolari adempimenti.

Una ditta individuale si ha nel caso in cui una persona fisica intraprende una priopria attività economica che ha come scopo principale quello della produzione e/o allo scambio di beni o servizi, coordina e organizza per la sua finalità i fattori produttivi necessari che sono essenzialmente, lavoro e capitale, assumendo in prima persona il rischio di tale attività.

Il titolare della ditta individuale è pertanto l’unico ed il solo responsabile dell’attività intrapresa ed è esposto per tutto il suo patrimonio al rischio d’impresa.




Egli risponde, infatti di tutte le obbligazioni assunte in nome e per conto della ditta con tutti i suoi averi presenti e futuri assumendo in questo caso una responsabilità illimitata.

La ditta individuale può configurarsi inoltre come azienda coniugale o impresa familiare.


Devo aprire una ditta individuale. Cosa devo fare?

Per aprire una ditta individuale occorre richiedere per prima cosa l’apertura della Partita Iva presso l'Agenzia delle Entrate. A seconda del tipo di attività che si vuole intraprendere occorre inoltre verificare il possesso di tutti i requisiti.

E' necessario presentare al Registro Imprese l’iscrizione entro 30 giorni dall’inizio dell’attività compilando il modulo I1 presentandolo firmato muniti di una fotocopia del documento di riconoscimento, avendo applicato sulla prima pagina del modulo una marca da bollo da euro 14,62.



Impresa Familiare

L’ impresa familiare si configura quando oltre al titolare, partecipano il coniuge, i parenti non oltre il terzo grado, e gli affini entro il secondo grado di parentela. Tutti i partecipanti a tale impresa hanno diritto agli utili, alla propria percentuale dei beni acquistati mediante gli utili e ad una quota su tutti gli incrementi aziendali.

Il titolare dell'impresa, resta, però, l'unico responsabile dell'attività e solo egli potrà essere soggetto ad eventuali procedure fallimentari. La normativa fiscale prevede che l’impresa familiare venga costituita tramite atto pubblico o scrittura privata autenticata.




Impresa Coniugale

L'impresa coniugale è la sola forma d’impresa collettiva che non necessita di alcuna formalità in sede di costituzione. Le uniche condizioni per la costituzione di un’azienda coniugale sono rappresentate da:

-La costituzione della ditta deve avvenire solo dopo il matrimonio;
-I coniugi devono essere in regime legale di comunione dei beni;
-I coniugi gestiscono l’impresa senza alcuna posizione di subordinazione