Amministrazioneaziendale.com

Veicoli aziendali e disciplina IVA

I veicoli aziendali: l'imposta sul valore aggiunto

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La detrazione dell'IVA relativa all'acquisto, leasing o locazione di un veicolo e delle spese ad esso connesse (impiego, custodia, manutenzione e riparazione) può subire due tipi di limitazioni:

• La prima di tipo oggettivo, è riferita alla particolare natura del bene; occorre pertanto qualificare il veicolo in relazione alla classificazione contenuta nel Codice della strada (quanto indicato nella carta di circolazione dovrà essere congruente con le caratteristiche del veicolo e la destinazione effettiva). È inoltre opportuno distinguere se i veicoli sono:

  • Adibiti ad uso pubblico: Si ha quando un veicolo viene utilizzato, dietro corrispettivo, nell’interesse di terzi. Un veicolo è adibito ad uso pubblico quando si ha un riconoscimento di tale impiego attraverso un atto emanato dalla pubblica amministrazione (ad esempio i veicoli utilizzati in un’attività di servizio taxi).

  • Oggetto dell'attività propria dell'impresa: Si intendono quei beni il cui impiego qualifica e realizza l’attività normalmente ed abitualmente esercitata.
    Si tratta quindi dell’attività di commercio, noleggio, locazione finanziaria di veicoli.

  • Destinati ad essere utilizzati solo come strumentali nell'attività: Si intendono quei beni impiegati esclusivamente come mezzo per l’esercizio dell'attività e, pertanto, diversamente dai precedenti, inidonei a qualificare la natura dell’attività svolta. Si tratta ad esempio dei veicoli utilizzati dalle imprese di autotrasporto.

• La seconda, di tipo soggettivo, riguarda la tipologia delle operazioni nelle quali il bene viene impiegato: esenti, non imponibili, escluse dal campo IVA o anche estranee all'esercizio dell ’attività (ad esempio uso privato).


In questi casi, pur in assenza di limitazioni oggettive, la detrazione può essere preclusa o ridotta. Occorre pertanto determinare in quale misura il veicolo è utilizzato nel contesto di operazioni soggette al tributo o di operazioni escluse dal campo di applicazione dell'imposta, in modo da calcolare la quota detraibile.



Indetraibilità di tipo Oggettivo

L ’indetraibilità oggettiva può essere totale o parziale.

Indetraibilita' Totale
Prevista per gli autoveicoli e motoveicoli indicati quali cosiddetti beni di lusso, oppure autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose, carrozzati a pianale o a cassone con cabina profonda o a furgone con motore di cilindrata superiore a 2.000 cc (2.500 se diesel); o ancora motocicli per uso privato con motore di cilindrata superiore a 350 cc.

Precisazioni: L’IVA è totalmente detraibile se i beni sopra indicati rientrano nell’attività propria dell’impresa (ad esempio il concessionario d’auto e di moto) o, per quanto riguarda gli autoveicoli (di qualsiasi cilindrata), anche se sono beni esclusivamente strumentali. L’IVA è sempre indetraibile per i professionisti.


Indetraibilita' Parziale
Al 90% (50% per i veicoli con propulsore non a combustione interna, quali i motori elettrici) per:

- Autovetture (sono ricompresi anche gli autoveicoli per trasporto promiscuo omologati dopo il 1° ottobre 1998) di qualsiasi cilindrata;

- Motocicli non di lusso (fino a 350 cc);

- Ciclomotori

- Autoveicoli ad uso promiscuo, omologati come tali prima del 1° ottobre 1998, non carrozzati a pianale e cassone o a furgone di qualsiasi cilindrata.


Precisazioni: L’IVA è totalmente detraibile se i beni sopra indicati sono:

  • Adibiti ad uso pubblico (es. taxi);
  • Oggetto dell’attività propria dell’impresa;
  • Acquistati da agenti e rappresentanti.

Nei casi di indetraibilità parziale, l'IVA sui costi accessori (manutenzione, riparazione e carburanti) resta totalmente indetraibile (con l'eccezione degli agenti e rappresentanti).

La parziale detraibilità IVA provoca effetti anche sul costo deducibile ai fini delle imposte sul reddito. Infatti, il 90% dell'IVA pagata per l'acquisto di un'autovettura non è ammessa in detrazione nel periodo di competenza ma concorre alla formazione del costo deducibile. Inoltre, per le cessioni di veicoli per i quali sia stata operata la detrazione parziale,l'IVA deve essere applicata sulla parte di base imponibile corrispondente alla percentuale di detrazione operata



Detraibilità Totale

Per i veicoli diversi da quelli sopra indicati, ad esempio per gli autocarri o gli autoveicoli ad uso speciale, non opera alcuna limitazione oggettiva; pertanto, in assenza di limitazioni di tipo soggettivo, l'IVA pagata al momento dell'acquisto, leasing o locazione, ma anche quella relativa ai carburanti, lubrificanti, spese autostradali, spese di impiego e custodia, manutenzione e riparazione, è totalmente detraibile.