Amministrazioneaziendale.com

Esportazione temporanea di merci per una fiera

Esportazione temporanea per esposizione/vendita di merci ad una fiera

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Per inviare in un paese che non fa parte dell'Unione europea delle merci per una fiera, è importante conoscere quale procedura doganale effettuare e e quali documenti portare al seguito e inoltre, nel caso in cui dette merci sono state vendute è importante sapere come comportarsi.

È possibile utilizzare l'istituto temporanea di esportazione tramite uno speciale documento doganale internazionale (noto come il carnet ATA) tramite un associazione abilitata (per l'Italia presso l'Unione Italiana delle Camere di Commercio) che accompagnerà nel suo viaggio la merce.


E' importante sottolineare che il termine ultimo per la reimportazione delle merci non deve superare il periodo di validità del carnet.

In caso di vendita di beni all'estero, è necessario che l'operazione venga regolarizzata ai fini doganali, come previsto dall' l'art. 798 del regolamento (CEE) 2454/93, vale a dire:

• l'esportatore deve presentare, insieme al Carnet ATA, una dichiarazione in dogana di esportazione definitiva di uno specifico modello (DAU);

• l'esportazione doganale invalida il voucher (cioè la parte staccabile) e la matrice di reimportazione del carnet e quindi l'esemplare. 3 del DAU, come prova che le merci sono state esportate in modo permanente.

Dal momento che questa è una questione puramente operativo, è necessario contattare l'ufficio doganale locale per ulteriori chiarimenti.