Amministrazioneaziendale.com

Importazione di beni ereditati

Importazione di beni ereditati

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Dopo la morte di un parente, per importare da uno stato che non fa parte dell'Unione europea degli effetti personali ereditati è neccessario eseguire una procedura specifica.

I beni personali acquisiti per successione legale o testamentaria da una persona fisica residente nel territorio doganale dell'Unione europea, possono essere importati in esenzione da dazi doganali.


Va notato a questo proposito che:

• restano esclusi dall'esenzione i beni come ad esempio alcol, i prodotti del tabacco e il tabacco stesso, il trasporto a carattere commerciale, ecc.

• la franchigia dai dazi all'importazione può essere presentata entro due anni a decorrere dalla data di entrata in possesso della proprietà.

Per ottenere il permesso di ingresso gratuito, l'interessato dovrà presentare all'Autorità delle dogane degli Stati membri un documento di importazione rilasciato da un notaio o altra autorità competente del paese terzo, attestante che le merci importate sono state acquisite per via ereditaria.

L'autorizzazione per la franchigia è concessa, su richiesta diretta presso l'ufficio doganale competente per il luogo di arrivo periferica della merce.