Amministrazioneaziendale.com

Donazione immobili e agevolazioni prima casa

Donazione di immobili e agevolazioni prima casa

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Chi riceve donato un edificio dovrebbe sostenere il pagamento delle seguenti imposte:

- Imposta ipotecaria: l'aliquota del 2% del valore catastale del bene o valore superiore specificato nell'atto;

- Imposta catastale: nella misura dell'1% del valore catastale del bene o valore superiore specificati nell'atto


Tuttavia, queste percentuali si possono abbattere ad un importo fisso di € 168,00 per ciascuna di queste imposte, nel caso il donatario abbia i requisiti per ottenere l'agevolazione della "prima casa".

Vale a dire che:

1) l'immobile deve essere ubicato:

- Nel comune in cui il donatario in questione è residente o in cui il donatario andrà a traferire entro 18 mesi dalla conclusione del contratto di donazione la propria residenza (la dichiarazione di voler stabilire la residenza nel comune in cui è situato l'immobile in questione deve essere effettuata, a pena di decadenza, l'atto di donazione);

- Il territorio del comune in cui il donatario svolge la propria attività (di lavoro o di formazione, di studio, ecc.)

- Nel comune in cui, se il donatario è stato trasferito all'estero per lavoro, è stabilito o esercita l'attività dipende dalla persona, il donatario;

2) se il donatario è un cittadino italiano emigrato all'estero (AIRE quindi scrittura), la proprietà ha ricevuto donazioni deve essere la "prima casa" di proprietà del donatario stesso sul territorio italiano;

3) l'atto di donazione, il donatario deve dichiarare di non essere in comunione con il proprietario esclusivo o il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altre case nel comune in cui è situato l'immobile oggetto della donazione ;

4) l'atto di donazione, il donatario deve dichiarare che non ha ricevuto, né per il posizionamento, anche nel caso del diritto comunitario, in tutto il paese, i diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà di un'altra casa acquistata dal stessa persona o del coniuge con i benefici "prima casa" per l'acquisto a titolo oneroso.

Va notato che:

- Se c'è una e una sola proprietà donatario è stata donata, la pertinenza delle strutture è subordinata, su richiesta della parte interessata e l'esistenza di condizioni nelle mani di questi ultimi;

- Se vi è un solo donatario e sono stati donati diversi edifici, i benefici attribuibili alla responsabilità di una sola delle proprietà in questione e le relative pertinenze. Pertanto, le rimanenti unità residenziali non beneficiare dell'applicazione delle strutture;

- Se ci sono più donatari e un edificio è stato dato, è sufficiente che la dichiarazione soddisfano i requisiti di legge è fatto da almeno uno dei beneficiari soddisfino i requisiti che l'impianto viene automaticamente esteso agli altri;

- Se ci sono più donatari e sono stati donati diversi edifici, gli impianti di "prima casa" dietro il rilascio di una dichiarazione specifica, si sfideranno in tutti quei beneficiari che soddisfano i requisiti di legge, ma solo per un immobile ciascuno: vuole, che è, facilitata proprietà quante sono le persone che hanno diritto ai benefici fiscali.

Per le conseguenze (perdita dei benefici) della alienazione del bene o di parti entro 5 anni dall'acquisto agevolato da donazione, ci si rivolga al proprio notaio, che darà spiegazioni circa l'orientamento del loro ufficio delle imposte se il decadimento anche quelli che hanno goduto l'estensione beneficio.

Ci si può chiedere, inoltre, se una persona che ha ricevuto una donazione con l'applicazione a favore della "prima casa" benefici, qualora successivamente si procede per l'acquisto di un altro immobile, ma a titolo oneroso, per poter beneficiare di prestazioni cd prima casa l'imposta di registro o se si può fare un altro acquisto agevolato per successione o donazione: il tuo avvocato ti può aiutare.

Un acquisto per donazione con i benefici "prima casa" matura il credito d'imposta o solo un acquisto a titolo oneroso agevolato determina la possibilità di chiedere il credito d'imposta? Per il credito d'imposta e la prima casa in generale, vedere immobiliare, per posizionare la domanda di cui sopra, si prega di contattare il proprio avvocato.