Amministrazioneaziendale.com

Il leasing finanziario

Il leasing finanziario

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il leasing finanziario è un contratto mediante il quale una società finanziaria acquista da terzi fornitori di merci di ogni genere, mobili o immobili, per concederli in utilizzo ad una persona (utente o utilizzatore) per un determinato periodo di tempo, e pagando di un contratto di locazione a canone periodico chiamato canone di leasing.

Il leasing finanziario consente di scegliere il fornitore e il tipo di apparecchiatura che si adatta alle esigenze dell'acquirente e il termine del contratto, l'utilizzatore può decidere in seguito di diventare proprietario del bene dietro pagamento di un prezzo fisso stabilito all'inizio del contratto (riscatto del contratto di locazione).

Alla scadenza del contratto di Leasing è previsto per l'utilizzatore la facoltà di acquistare a titolo definitivo il bene stesso esercitando l'opzione di acquisto o diritto di riscatto mediante il pagamento di un prezzo definito valore di riscatto.


La struttura più comune di locazioni includono:

Maxi canone iniziale - un primo pagamento alla firma del contratto che di norma supera l'importo del pagamento dei canoni periodici;

Canoni Periodici - mensile, trimestrale o ad alta frequenza

Riscatto - prezzo che l'utente deve pagare se ha intenzione di acquistare il bene al termine del contratto di locazione.


Inoltre, la locazione finanziaria è generalmente caratterizzato da:

durata del contratto di locazione finanziaria in generale relativa alla durata tecnico-economica del bene, o relativa al suo uso effettivo nel corso del tempo, influenzato dal funzionamento effettivo è che il processo di obsolescenza legato al fenomeno di innovazione tecnologica;

• un quadro contrattuale che lo rende simile ad un mutuo;

• un valore di acquisto finale di solito inferiore al valore di mercato stimato del bene alla scadenza del contratto. Questo valore può variare da 1 a 40% del costo originario del bene.