Amministrazioneaziendale.com

La destinazione dell'8 per mille dell'Irpef

La destinazione dell'8 per mille dell'Irpef

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Una quota dell’Irpef liquidata dagli uffici in base alle dichiarazioni annuali - l’otto per mille, appunto - viene destinata, sulla base delle scelte effettuate dai contribuenti, a scopi di interesse sociale o di carattere umanitario a diretta gestione statale, oppure a scopi di carattere religioso o assistenziale da parte delle seguenti istituzioni religiose:

  • la Chiesa cattolica
  • l’Unione italiana delle Chiese Avventiste del 7° giorno
  • le Assemblee di Dio in Italia
  • la Chiesa Valdese, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi
  • la Chiesa Evangelica Luterana
  • l’Unione delle Comunità ebraiche in Italia.

La scelta viene effettuata mettendo la propria firma in corrispondenza dell’apposito riquadro: è ammessa la scelta per una sola istituzione.


La quota dei contribuenti che non hanno firmato, e che quindi risulta non attribuita, sarà suddivisa tra gli organismi destinatari secondo la proporzione risultante dalle scelte espresse.

Le quote non attribuite spettanti alle Assemblee di Dio in Italia e alla Chiesa Valdese sono devolute alla gestione statale. La scelta della destinazione dell’8 per mille non determina un aumento dell’imposta da pagare.