Amministrazioneaziendale.com

Parametri arti e professioni

Parametri esercenti arti e professioni

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il presente modello, costituisce parte integrante del modello UNICO nel quale devono essere indicati i dati e le notizie necessari per l’applicazione dei parametri. Al riguardo, si ricorda che i parametri sono applicabili nei confronti dei contribuenti esercenti arti e professioni per i quali non sono approvati gli studi di settore, ovvero, ancorché approvati, operano condizioni di inapplicabilità non estensibili ai parametri individuate nei provvedimenti di approvazione degli studi stessi.

Si fa altresì presente che, a partire dal periodo d’imposta 1998, i parametri non trovano in ogni caso applicazione nei confronti dei soggetti per i quali operano le cause di esclusione dagli accertamenti basati sugli studi di settore. Quindi, ad esempio, l’inizio o la cessazione dell’attività nel corso dell'anno impedisce il ricorso alla procedura di accertamento basata sia sugli studi di settore sia sui parametri fatta eccezione per i casi espressamente previsti dalla legge Finanziaria 2007.


La legge ha previsto che non costituisce causa di esclusione la cessazione e l’inizio dell’attività, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla data di cessazione, nonché l’inizio dell’attività quando la stessa costituisce mera prosecuzione di attività svolte da altri soggetti.

Per effetto di tali modifiche sono comunque tenuti all’applicazione dei parametri:

a) i soggetti che hanno cessato e iniziato l’attività entro sei mesi dalla data di cessazione. L’ipotesi è applicabile anche nel caso in cui la cessazione dell’attività è avvenuta anteriormente al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre dell'anno alla quale fa riferimento la dichiarazione e l’inizio attività sia avvenuto nel corso dello stesso periodo d’imposta, fermo restando la condizione dei sei mesi dalla data di cessazione;

b) i soggetti che hanno iniziato l’attività nel corso del periodo d’imposta quando la stessa costituisce una mera prosecuzione di attività svolta da altri soggetti.

Si ricorda che, in caso di omessa presentazione del presente modello, si applica la sanzione amministrativa da euro 258 a euro 2.065, ridotta ad un decimo del minimo se la presentazione avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione.

Con riferimento alla determinazione del valore dei dati rilevanti ai fini dei parametri occorre avere riguardo alle disposizioni previste dal TUIR (ad esempio, le spese e i componenti negativi relativi ai veicoli utilizzati nell’esercizio di arti e professioni vanno assunte tenendo conto del dettato dell’art. 164 del citato testo unico).

Nel modello va indicato, in alto a destra, il codice fiscale e il codice dell’attività prevalente. Per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato il maggiore ammontare dei compensi conseguiti nell'anno.

Al fine del corretto funzionamento del software di calcolo “Parametri”, deve essere indicato, oltre al codice attività secondo la classificazione ATECO 2007, anche il codice secondo la classificazione ATECOFIN 1993 .

Si precisa che la tabella di classificazione delle attività economiche ATECO 2007 è consultabile presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate ed è reperibile sul presente sito, unitamente alle tavole di raccordo tra le tabelle “ATECOFIN 2004 e ATECO 2007” .

Il modello è composto da quattro sezioni. Nella Sezione I, con riferimento a tutti i soggetti che dichiarano redditi derivanti dall’esercizio di arti e professioni, vanno indicati gli elementi contabili relativi alle imposte sui redditi, all’imposta sul valore aggiunto, nonché altri dati da utilizzare per la determinazione presuntiva dei compensi;

nella Sezione II, riservata ai soggetti tenuti alla presentazione del quadro RE del modello Unico società di persone ed equiparate, vanno indicati gli elementi necessari per la determinazione delle quote spettanti ai soci o associati.

Nella sezione III va riportato l’ammontare dei compensi non annotati nelle scritture contabili, indicato nello specifico rigo dei quadri per la determinazione del reddito derivante dall’esercizio di arti e professioni ai fini dell’adeguamento ai compensi determinati sulla base dei parametri. Nel modello gli importi devono essere indicati in unità di euro, arrotondando l’importo per eccesso se la frazione decimale è uguale o superiore a 50 centesimi di euro o per difetto se inferiore a detto limite. A tal fine, negli spazi relativi agli importi sono stati prestampati i due zeri finali dopo la virgola.