Amministrazioneaziendale.com

Trasporto di contanti da e per l'estero

Trasporto di contanti da e per l'estero

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

In data 13.12.2008 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 291 il decreto legislativo n. 195/2008 che muta il quadro normativo in materia di controllo sul denaro contante in attuazione del Reg. CE n. 1889/05, delineando un ruolo centrale per l’Agenzia delle Dogane.


Le nuove disposizioni avranno efficacia dal 1° gennaio 2009, e tra le novità introdotte si segnalano le seguenti:

• è stata estesa la definizione di “denaro contante”, comprendendo in essa oltre alle banconote e alle monete metalliche aventi corso legale , anche tutti gli strumenti di pagamento negoziabili al portatore;

• le dichiarazioni relative al trasporto di “denaro contante ”di importo pari o superiore a 10.000 euro vanno presentate esclusivamente agli Uffici delle Dogane;

• le dichiarazioni relative ai trasferimenti di “denaro contante”pari o superiore a 10.000 euro effettuati mediante plico postale o equivalente vanno presentate a Poste italiane SpA o ai fornitori di servizi postali - ai sensi del decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261- all’atto della spedizione o nelle 48 ore successive al ricevimento;

• per i trasferimenti di “denaro contante ” da e verso Paesi membri UE l’obbligo di dichiarazione è previsto al momento di entrata nel territorio nazionale o al momento dell’uscita dallo stesso;

• in caso di violazione è possibile estinguere immediatamente l’illecito richiedendo di effettuare il pagamento in misura ridotta, a titolo di oblazione, del 5% della somma eccedente 10.000 €. In ogni caso, l’oblazione non può essere inferiore a 200 €;

• l’oblazione non è ammessa nei casi in cui l’eccedenza superi la soglia di 250.000 euro e quando il soggetto se ne sia avvalso nei 365 giorni precedenti la contestazione;

• i verbali di contestazione elevati dai militari della Guardia di Finanza e le eventuali oblazioni contestuali, vengono ricevute dagli Uffici delle dogane per la relativa acquisizione nel sistema informativo doganale.


Le nuove disposizioni mirano a prevenire e contrastare le attività illecite di riciclaggio, unitamente a quelle finalizzate al finanziamento del terrorismo, ed istituire un adeguato livello di sorveglianza sui movimenti transfrontalieri di denaro.

Il nuovo modulo di dichiarazione, da utilizzare a partire dal 1° gennaio 2009, è disponibile sul sito internet dell’Agenzia www.agenziadogane.gov.it – Modulistica e nella sezione dedicata ai viaggiatori internazionali