Amministrazioneaziendale.com

Autofatturazione

Autofatturazione

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

L’Autofatturazione è l’emissione di una fattura da parte del cliente anziché del fornitore. Si parla, al riguardo, di reverse charge, cioè di obbligo rovesciato.

L’Autofatturazione da sempre diritto alla detrazione dell’imposta sull’acquisto o il servizio ricevuto (tranne nei casi in cui sia limitata), ma dobbiamo distinguere innanzitutto tra Autofatturazione con o senza versamento dell’I.V.A.


Nel caso di mancato ricevimento della fattura da parte del fornitore entro quattro mesi dall’effettuazione dell’operazione l’articolo 6, comma 8, del D.Lgs. 471/97 consente al cliente, per evitare la pena pecuniaria dovuta per acquisto senza fattura (100% dell’imposta con il minimo di € 500,00), di versare l’I.V.A. , entro il trentesimo giorno successivo (e cioè nel quinto mese dall’effettuazione dell’operazione), presentando all’ufficio I.V.A. un documento – Autofattura - in duplice copia, contenente le indicazioni prescritte nel decreto per la fatturazione.

Un’ovvia avvertenza: prima di emettere un’Autofattura in caso di mancato ricevimento di quella del fornitore o in caso di errore nel conteggio da parte del fornitore stesso, è più che opportuno e doveroso consultare il fornitore, sollecitando l’invio della fattura.

La fattura originale potrebbe infatti essersi smarrita, col risultato di aver pagato l’imposta all’ufficio I.V.A. sull’Autofattura e poi doverla ripagare al fornitore sulla fattura originale successivamente reperita.

Inoltre la procedura secondo cui l’ufficio I.V.A. trattiene una copia dell’autofattura lascia intendere che il fornitore sarà più o meno schedato per una visita di controllo dell’ufficio I.V.A. o polizia tributaria ai quali dovrà giustificare il motivo della mancata emissione di fattura con tutte le relative conseguenze e penalità. Questa Autofattura è infatti detta autofattura-denuncia.

L’autofattura, deve essere numerata e registrata assieme alle altre fatture d’acquisto (art. 25) ed una copia deve essere inviata il giorno stesso dell’effettuazione dell’operazione al venditore o prestatore del servizio. La circolare 249/E dell’ 11 ottobre 1996 consente l’Autofatturazione differita se l’acquirente emette un documento di trasporto o consegna per ciascuna giornata, in caso contrario dovrà emettere una autofattura giornaliera.

Esempio: Merce acquistata presso aziende agricole esonerate cioè con volume d’affari non superiore a 2.500,00 €, prevede che l’acquirente deve autofatturarsi con diritto alla detrazione e senza versamento dell’imposta.

Non è ammessa l’autofattura con detrazione di I.V.A. per :
- Prestazioni occasionali
- Cessioni da parte di privati
- Prestazioni di collaborazioni coordinata e continuativa.



Esempio di autofattura


Autofattura