Amministrazioneaziendale.com

Contenuto di una Fattura

Il contenuto di una fattura

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Le fatture emesse devono essere datate e numerate in ordine progressivo. Se il contribuente intende avvalersi contemporaneamente della fatturazione immediata e delle fatturazione differita, può effettuare una numerazione unica delle fatture, purché rispetti la sequenza di numerazione tra fatture immediate e fatture differite.


Il ministero autorizza comunque tutti i contribuenti a tenere più numerazioni purchè ci sia un registro per ogni numerazione.



Parte descrittiva o introduttiva della fattura

La parte descrittiva di una fattura contiene:

• La data in cui il documento è stato fatto.

• Il numero progressivo della fattura, ripartendo da 1 ogni nuovo anno solare.

• I Dati significativi dell'emittente:
- il nome della ditta, la ragione o denominazione sociale o il nome e cognome
- l'indirizzo completato di solito con numeri telefonici, di fax
- il numero assegnato dall'Ufficio del registro delle imprese
- il codice fiscale assegnato all'anagrafe tributaria
- il numero di partita IVA

• I Dati identificativi del compratore:
- il nome della ditta, ragione sociale o denominazione oppure nome e cognome
- l'indirizzo completato di solito con numeri telefonici, di fax
- il numero assegnato dall'Ufficio del registro delle imprese
- il codice fiscale assegnato all'anagrafe tributaria
- il numero di partita IVA

Se il cliente non è un’impresa, una società od un ente (Cioè se di tratta di un privato) deve essere indicato il nome e il cognome al posto della ditta, denominazione o ragione sociale. E’ sempre obbligatorio l’indicazione della partiva I.V.A. del cliente.

Per quanto attiene all’indirizzo di intestazione della fattura, disattendendo la pratica in uso presso le aziende e la normativa che non richiede l’indicazione della sede centrale del cliente, la risoluzione n° 441726 del 22.4.1993 afferma che l’indicazione di un domicilio diverso dalla sede centrale è consentita solo nei confronti di sedi secondarie fornite di autonomia contabile.

• Le clausole del contratto riguardanti le condizioni di vendita (consegna delle merci, imballaggio, modalità di pagamento)

• Gli estremi dei documenti di trasporto o consegna se si tratta di fattura differita (gli elementi da indicare sono le date e i numeri dei documenti ai quali la fattura si riferisce)



Parte tabellare o corpo della fattura

La parte tabellare o corpo della fattura contiene:

• La natura, qualità e quantità delle merci vendute;
• Il prezzo unitario della merce;
• Il prezzo complessivo, ottenuto moltiplicando la quantità della merce venduta per il prezzo unitario;
• Gli eventuali sconti, premi o abbuoni riconosciuti al compratore;
• Gli eventuali oneri accessori, quali spese fatturate per servizi prestati dal venditore al compratore (imballaggio, trasporto effettuato con mezzi propri, posa in opera ecc.);
• L'aliquota e l'ammontare dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), con arrotondamento alla lira superiore delle eventuali frazioni;
• Le eventuali spese che il compratore deve rimborsare al venditore per anticipazioni da quest'ultimo effettuate (risultano da documenti allegati alla fattura intestati al compratore);
• Gli eventuali interessi pattuiti per pagamento dilazionato;
• Il totale fattura, che costituisce il debito complessivo del compratore.





Operazioni che determinano l'emissione di fattura

Prima di esaminare i sistemi di fatturazione attualmente in vigore richiamiamo le disposizioni di cui all’art. 6 relative all’effettuazione dell’operazione, e cioè al momento in cui sorge l’obbligazione tributaria in materia di I.V.A., con il connesso adempimento della fatturazione.


Beni immobili: stipulazione del contratto avente natura traslativa e non solo obbligatoria;

Beni Mobili: Consegna o spedizione;

Prestazione di Servizi: Pagamento del corrispettivo;

Cessioni di beni per atto della pubblica autorità: Pagamento del corrispettivo;

Cessioni periodiche o continuative di beni in esecuzione di contratti di somministrazione: Pagamento del corrispettivo;

Pagamenti Anticipati: Il pagamento parziale o totale, anteriormente alla data di stipulazione, spedizione o consegna obbliga il fornitore ad emettere una fattura ed assogettarla ad I.V.A. per l’importo incassato;

Autoconsumo di Beni: Destinazione di beni al consumo personale o familiare dell’imprenditore, quando avviene il prelievo dei beni;

Autoconsumo di servizi e prestazioni gratuite: Queste operazioni si considerano effettuate al momento in cui sono rese, ovvero se di carattere periodico o continuativo, nel mese successivo a quello in cui sono rese;

Passaggi dal committente al commissionario: nella vendita dei beni da parte del commissionario è rilevante la data di vendita ai terzi affinché il committente emetta la fattura a carico del commissionario sulla base dei dati segnalati da quest’ultimo al netto della provvigione;

Vendite con riserva di proprietà: devono essere fatturate totalmente con riferimento alla data di consegna del bene, e non a mano a mano che vengono pagate le rate o , tanto meno, al momento del pagamento dell’ultima rata, quando cioè viene meno la riserva di proprietà;

Vendite o cessioni ad effetto differito: ad esempio consegne in prova o vendite con clausola di gradimento. Il termine decorre dalla data in cui si manifesta il vero e proprio passaggio di proprietà e comunque, per quanto riguarda i beni mobili, entro un anno dalla consegna o spedizione;

Contratti estimatori: sono i contratti detti anche in conto “deposito” con i quali il fornitore affida al rivenditore un certo quantitativo di merce, impegnandosi a ritirare l’invenduto ed addebitando quindi solo il quantitativo effettivamente smerciato. In questo caso la fattura deve essere emessa al momento della rivendita a terzi oppure, per i beni non restituiti, alla scadenza del termine convenuto tra le parti e comunque dopo il decorso di un anno dalla consegna o spedizione.

Agenzie di viaggio: Pagamento dell’intero corrispettivo o comunque all’inizio del viaggio o soggiorno.