Amministrazioneaziendale.com

Ddt con fatturazione immediata e differita

Consegne a fatturazione immediata e differita

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Andremo di seguito ad analizzare i due casi evidenziando a livello di documenti di trasporto come è utile comportarsi.



Consegne di beni e fatturazione immediata

Nel caso di fatturazione immediata la merce può essere accompagnata dalla fattura stessa ovvero può viaggiare senza alcun documento qualora la fattura venga spedita o consegnata al cessionario.


In questo caso il momento di emissione della fattura e quello d'inizio del trasporto, pur avvenendo nello stesso giorno, possono non coincidere, essendo legittimo emettere fattura entro le ore ventiquattro del giorno in cui con la consegna o la spedizione è stata effettuata l'operazione.



Consegne di beni e fatturazione differita

Nei casi di fatturazione differita ai sensi dell'art. 21 4° comma DPR 633/72 la merce deve essere accompagnata da un documento di trasporto o altro documento idoneo a identificare i contraenti. Si dovrà quindi provvedere, come cita il comma 3 dell'art. 1 del DPR 472/96, alla compilazione di nuovo documento di trasporto con le seguenti caratteristiche:

- generalità del cedente;
- generalità del cessionario;
- generalità del trasportatore;
- descrizione dei beni, quantità, qualità e natura;
- data del trasporto;

Il documento potrà essere redatto in carta semplice ed in forma libera, mentre nulla è previsto rispetto alla numerazione dello stesso. Al nuovo documento è equiparato qualsiasi altro documento di trasporto (tipo la nota di consegna, la lettera di vettura, la polizza di carico ecc.) purché riporti i dati sopraelencati così come previsto dal comma 3 dell'art. 1.

I documenti di trasporto o di consegna che consentono la fatturazione differita, devono essere conservati a norma dell'art. 39, 3° comma DPR 633/72 (fino al momento di definizione del periodo di imposta cui si riferiscono, fermi restando gli obblighi civilistici).