Amministrazioneaziendale.com

Trasporto tra sedi e cantieri

Trasporto tra sedi e cantieri

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La problematica dei trasporti dalla sede principale ai cantieri è molto simile a quella esaminata precedentemente. Infatti anche per tali trasporti, condizione necessaria per non dover procedere all'emissione di documenti di accompagnamento è l'avvenuta comunicazione all'Ufficio I.V.A. di apertura dei cantieri.

Necessita pertanto determinare cosa si intende per cantiere e conseguentemente quando è necessario osservare gli obblighi di cui all'art. 35 del D.P.R. 633/72. A tal fine la R.M. n° 504567 del 18.2.1974 chiarisce che gli obblighi di comunicazione devono essere osservati per le unità operative nell' ambito delle quali si concretizzano riscossioni di denaro e/o movimenti di materiali.


Non va comunque dimenticato che il cantiere resta comunque una struttura occasionale di esercizio dell'attività d'impresa e pertanto sarà opportuno valutare caso per caso se procedere alla comunicazione di apertura all' Ufficio I.V.A. in considerazione della dimensione e durata dello stesso.

La Commissione Tributaria Centrale, Sez. XI, con decisione n° 7353 dell'1/10/1986, ha ritenuto necessaria la comunicazione di apertura di un cantiere edile per la costruzione di due palazzine.