Amministrazioneaziendale.com

Presunzione di Cessione o Acquisto

Presunzione di Cessione o Acquisto

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

L'art. 53 del D.P.R. 633/72 prevede una presunzione di cessione per i beni acquistati che non si trovino nei locali in cui il contribuente esercita la propria attività e dichiarati come tali all'Ufficio IVA competente ai sensi dell'art. 35 del D.P.R. 633/72; prevede altresì una analoga presunzione di acquisto per beni rinvenuti nei locali stessi di cui non sia possibile dimostrarne la provenienza a titolo diverso.

La consegna dei beni a terzi per finalità diverse dalla vendita deve risultare da un documento conservato a norma dell' art. 39 dello stesso D.P.R., oppure da un registro di carico e scarico o dal libro giornale o altro libro tenuto in conformità del Codice Civile.

La bolla di accompagnamento è sempre stata considerata documento idoneo a vincere la presunzione di acquisto o vendita per cui la sua soppressione rende necessaria la verifica del comportamento più opportuno da seguire.

L'art. 1, comma 3, del D.P.R. 472/96 precisa che il documento di trasporto previsto dall'art. 21, comma 4, del D.P.R. 633/72, è idoneo a superare le presunzioni di acquisto e cessione.


Il riferimento fatto all'art. 21 del D.P.R. 633/72 si riferisce solamente alle cessioni di beni e non anche alle altre fattispecie.

La Circolare del Ministero delle Finanze n. 225/E del 16/9/96 precisa però che il documento di trasporto è idoneo a superare le presunzioni di cui all'art. 53 anche per i trasferimenti di beni a titolo non traslativo della proprietà ma, ovviamente, dovrà contenere l'espressa indicazione della causale.

In conclusione il documento di trasporto è sempre idoneo a vincere le presunzioni previste dall'art. 53 del D.P.R. 633/72.

Il D.P.R. 627/78 prevedeva esoneri di natura soggettiva ed oggettiva alla compilazione della bolla di accompagnamento; il D.P.R. 472/96 dispone che cessano di avere efficacia le disposizioni previste dal D.P.R. 627/78 che continuerà ad applicarsi solo per la circolazione di beni sottoposti al regime delle accise, ad imposta di consumo o al regime di vigilanza fiscale nonché a tabacchi e fiammiferi.

La soppressione delle disposizioni del D.P.R. 627/1978, salvo che per i trasporti summenzionati, è totale e riguarda anche le ipotesi di esonero previste dallo stesso D.P.R.: è possibile pertanto che ai fini di vincere la presunzione prevista dall'art. 53 sia necessario emettere un documento per trasporto di beni che, ai sensi del D.P.R. 627/78, erano esonerati dalla bolla di accompagnamento.