Amministrazioneaziendale.com

Imponibile ed I.V.A.

Imponibile ed Imposta sul Valore Aggiunto

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Per imponibile o base imponibile, è inteso l'importo sul quale, si calcolerà e applicherà un'imposta o contributo. L' imposta sul valore aggiunto è invece un'imposta che colpisce ogni fase della produzione ovvero lo scambio di beni e servizi. Pertanto gli elementi per calcolare l’imposta da applicare sulla fattura sono:

Valore imponibile x Aliquota = Imposta



Imponibile o Corrispettivo

Il valore imponibile di una vendita o di una prestazione di servizi è normalmente costituito dal corrispettivo (prezzo o compenso) dovuto dal cliente al fornitore secondo le condizioni contrattuali, e cioè in base all’accordo intervenuto tra le parti.


Per quanto riguarda gli sconti la fattura deve essere emessa evidenziando lo sconto e come imponibile il solo valore al netto dello sconto.



I.V.A.

La sigla I.V.A. sta per “imposta sul valore aggiunto”. L’ I.V.A. è un’imposta sui consumi, riscossa gradualmente nelle varie fasi di produzione e distribuzione di un bene o di un servizio. Chi vende o esegue una prestazione calcola l’I.V.A. e la addebita al cliente (eventualmente includendola nel prezzo): se l’acquirente è un imprenditore o un professionista recupera l’I.V.A. pagata mediante in meccanismo della detrazione (versando cioè allo Stato la differenza tra I.V.A. sulle vendite o prestazioni ed I.V.A. sugli acquisti); se è un consumatore rimane colpito dall’imposta stessa.


Il campo di applicazione dell’I.V.A. è così delineato :

-Cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate e chiunque nell’esercizio di imprese commerciali, agricole, di arti o professione.

-Acquisti intracomunitari da parte dei soggetti di imposta e degli enti esclusivamente non commerciali.

-Importazioni (Paesi extra UE) da chiunque effettuate.


Se si esclude quindi il caso delle importazioni, la cui I.V.A. è dovuta per una situazione oggettiva, una operazione (interna) rileva ai fini I.V.A. quando sussistono i tre requisiti :

-Soggetto: Imprenditore oppure artista o professionista = contribuente
-Oggetto: Cessioni di beni o prestazioni di servizi = operazione
-Territorio: L’operazione deve considerarsi effettuata in Italia.


Conseguenze delle Operazioni I.V.A.

Le operazioni in cui esistono i tre requisiti sono soggette, di regola, a fatturazione, registrazione, liquidazione e dichiarazione. Le operazioni prive anche di un solo requisito sfuggono all’intera disciplina I.V.A.

Le operazioni non I.V.A. vengono comunemente definite :
- escluse da I.V.A.
- fuori campo I.V.A.
- non soggette ad I.V.A.

Importante: non sono sinonimi le definizioni “esente”, “non imponibile”, “di soggetto esonerato”.