Amministrazioneaziendale.com

Rettifica di fatture

Rettifica fatturazione (nota credito e nota debito)

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il venditore può trovarsi nella situazione di dover “rettificare” l’acquisto effettuato o perché i beni acquisiti sono in numero inferiore, sono difettosi, o perché sono cambiate delle condizioni contrattuali, e per necessità di adeguare dei dati IVA modificati nel contempo, o per altri motivi.

L’errore di fatturazione viene recuperato fiscalmente con l’emissione o il ricevimento di una nota di variazione, sia essa di accredito o di addebito (art.26 DPR 633/72).


Con la nota di accredito ricevuta l’azienda rettifica a proprio sfavore le precedenti rilevazioni contabili, sia sotto il profilo finanziario sia sotto il profilo economico. Infatti riduce il credito di fornitura e storna il conto di ricavo di vendita e l’IVA relativa.

Con la nota di addebito emessa l’azienda integra le precedenti rilevazioni contabili, sia sotto il profilo finanziario sia sotto il profilo economico. Infatti accresce il credito di fornitura e adegua, incrementandoli, il conto di costo di ricavo e l’IVA relativa.





Sconti e abbuoni

Gli sconti accordati dal fornitore all’acquirente sono di due tipi:
- Sconto concesso al momento dell’acquisto e rilevato nella fattura d’acquisto;
- Sconto concesso in un momento successivo all’acquisto.

Nel primo caso lo sconto è incondizionato: viene operato direttamente, al momento di quantificazione della fattura di acquisto, o contabilizzando il costo al netto dello sconto o contabilizzando il costo al lordo e separatamente lo sconto concesso. In fattura viene sottratto dall’imponibile prima di calcolare l’IVA.

Nel secondo caso lo sconto è condizionato: viene riconosciuto in un momento successivo alla fatturazione e viene documentato fiscalmente con l’emissione da parte del venditore di una nota di accredito, che contabilmente andrà a rettificare per l’acquirente il debito di fornitura, l’I.V.A. a credito e il costo d’acquisto (rettifica indiretta).

Lo sconto condizionato spetta al cliente quando rispetta una delle condizioni contrattuali previste (solitamente il pagamento per contanti). Lo sconto è concesso “a condizione” che il pagamento avvenga, ad esempio, in contanti alla consegna (tipico caso di “sconto cassa).

L’IVA si calcola sul prezzo pieno perché al momento della fatturazione non è noto se lo sconto spetterà o meno all’acquirente, salvo poi, al verificarsi della condizione, procedere a rettifica con nota di variazione.

Quando una fattura viene pagata per un importo inferiore si ha un abbuono attivo. Contabilmente e fiscalmente è un conto di rettifica di costo. In bilancio compare nel costo della produzione con segno negativo. Ai fini IVA si può ricevere o meno nota di accredito, essendo una facoltà e non un obbligo del venditore emettere la nota di variazione.