Amministrazioneaziendale.com

Fatture Fasulle

Fatture Fasulle

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il delitto comunemente individuato nelle fatture fasulle era punito con reclusione da 6 mesi a 5 anni e multa da 2.500,00 a 5.000,00 € (reclusione sino a 6 mesi o multa fino a 2.500 € se lieve entità, comunque non oltre 25.000,00 € ).

Di seguito l'elenco dei reati correlati all'emissione o ricezione di fatture fasulle ai fini di evadere l'iva o le imposte dirette abbassando l'utile di esercizio:


- Emissione di fatture o di altri documenti per le operazioni in tutto o parte inesistenti;

- Emissione di fatture o altri documenti recanti l’indicazione dei corrispettivi o dell’I.V.A. in misura superiore al reale (Trattandosi di delitto a dolo specifico per evadere l’I.V.A., conseguire un indebito rimborso o consentire l’evasione o un indebito rimborso a terzi non riguarda gli errori di fatturazione).

- Emissione di fatture o di altri documenti con nomi diversi da quelli veri in modo che ne risulti impedita l’identificazione dei soggetti;

- Utilizzo dei documenti suddetti, anche solo per evadere le imposte dirette.



Nuova normativa

Per le violazioni commesse dall’entrata in vigore della nuova normativa penale, la punizione di questo comportamento è disciplinata dall’art. 1 comma 1 lettera a) che da la seguente nozione di fattura o altro documento per operazioni inesistenti, qualificandoli come emessi a fronte di operazioni non realmente effettuate, in tutto o in parte, o che indicano i corrispettivi o l’I.V.A. in misura superiore a quella reale, ovvero che riferiscono operazioni a soggetti diversi da quelli effettivi.


La sanzione è stabilita con la reclusione da un anno e sei mesi e sei anni, se il fatto viene commesso al fine di consentire a terzi l’evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto. L’emissione di più fatture nel corso del medesimo periodo di imposta si considera come un solo reato.

Sino a 150.000,00 € per periodo di imposta, si applica la reclusione da sei mesi a due anni. L’articolo 9 dispone che l’emittente della fattura fasulla non è punibile a titolo di concorso con chi commette il delitto di redazione della dichiarazione fraudolenta.