Amministrazioneaziendale.com

Trasporti nell'ambito della stessa azienda

Trasporti nell'ambito della stessa azienda

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il D.P.R. 627/78 stabiliva che i soggetti che esercitavano esclusivamente il commercio al minuto godevano dell'esenzione dall'emissione della bolla di accompagnamento per i trasporti dei beni nell'ambito della stessa impresa.


Tale esenzione era subordinata alle seguenti condizioni:
che i luoghi suddetti fossero stati regolarmente dichiarati all'Ufficio Iva competente ai sensi dell'art. 35 D.P.R. 633;
che fossero situati nell' ambito dello stesso Comune o di Comuni limitrofi.

Conseguentemente, chi avesse svolto una attività di commercio all'ingrosso, o congiuntamente all'ingrosso ed al dettaglio, era obbligato ad emettere bolla di accompagnamento per tutti i trasporti effettuati.

Con la soppressione della bolla di accompagnamento si è notevolmente semplificata la problematica dei trasporti nell'ambito della stessa impresa.

Ai sensi dell'art. 53, comma 1, del D.P.R. 633/72 si presumono ceduti i beni acquistati, importati o prodotti che non si trovino nei luoghi in cui il contribuente esercita la sua attività e dichiarati come tali all'Ufficio I.V.A. territorialmente competente ai sensi dell'art. 35 dello stesso D.P.R .. Di conseguenza il trasporto di beni tra i locali denunciati ai fini I.V.A. è ora esonerato dall' emissione di qualsiasi documento di accompagnamento, a prescindere dal tipo di attività esercitata.

È doveroso segnalare che mentre tale tesi trova conferma nella Circolare Assonime n° 108 del 16/10/1996 non ha invece completo riscontro nella circolare n° 225/E del 16/9/1996 del Ministero delle Finanze che al punto 2.3 evidenzia l'obbligo di emissione del documento di accompagnamento anche per i passaggi interni; tale ultima interpretazione appare però in netto contrasto con lo spirito di semplificazione della nuova normativa.

Inoltre poiché il concetto è inserito dal Ministero nel paragrafo relativo ai trasporti di beni da consegnare a terzi a titolo non traslativo della proprietà, si deve presumere che riguardi passaggi interni relativi a beni trasportati presso i terzi stessi che non entrano però in possesso dei beni; un esempio di tale situazione potrebbe essere l'ipotesi di un cantiere temporaneo presso terzi non denunciato ai fini I.V.A .. Tale situazione è illustrata nel paragrafo che segue.