Amministrazioneaziendale.com

Emissione del documento di Trasporto

Commercio al Minuto e D.d.t.

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Fino al 26 settembre 1996, data di entrata in vigore del D.P.R. 472/96 i commercianti al minuto potevano emettere all'atto della consegna o spedizione del bene la bolla di accompagnamento integrata dal corrispettivo o la fattura accompagnatoria (art.12, comma 2, L. 30 dicembre 1991, n. 413) in alternativa all'emissione dello scontrino fiscale. Tale alternativa è venuta a mancare con la soppressione della bolla di accompagnamento e di conseguenza i commercianti al minuto che si avvalevano di questa disposizione sono stati costretti a rilasciare in ogni caso lo scontrino fiscale.

Dalla data del 21 Febbraio 1997, con l'entrata in vigore del D.P.R. 696 del 21/12/1996 che recepisce le disposizioni contenute nell'art. 3, comma 147, lettere e) ed f) della Legge 549/1995, il documento di trasporto, se integrato nell'ammontare dei corrispettivi, consente nuovamente di evitare l'emissione dello scontrino fiscale.


Sempre per effetto dello stesso D.P.R. 696/1997 lo scontrino fiscale diventa superfluo in caso di emissione di fattura immediata ai sensi dell'art. 21 del D.P.R. 633/1972. In conclusione, a partire dal 21 Febbraio 1997, i commercianti al minuto ed i soggetti assimilati potranno certificare i corrispettivi alternativamente con una delle seguenti modalità:

-Con emissione di scontrino fiscale;
-Con emissione di fattura immediata;
-Con emissione di documento di trasporto integrato con l'ammontare dei corrispettivi e successiva fattura differita



Fatturazione Immediata

Il regolamento citato precedentemente prevede l'emissione solo della fattura e non più anche contestualmente dello scontrino fiscale. Si possono utilizzare anche i vecchi moduli di fattura accompagnatoria di cui gli operatori sono ancora provvisti, così pure le tipografie autorizzate e i rivenditori possono vendere agli utilizzatori gli stampati relativi alle bolle di accompagnamento sino ad esaurimento delle scorte.

Si precisa che la fattura deve essere emessa e consegnata o spedita in duplice esemplare entro lo stesso giorno in cui l'operazione viene effettuata, vale a dire entro le ore 24 dello stesso giorno (circ. n. 42/503981 del 31. 10 .1974 della soppressa Direzione Generale delle Tasse) e può anche essere trasmessa attraverso sistemi informatici che consentano la materializzazione di dati identici presso l'emittente ed il destinatario (Ris. Min. n. 360879 del 30/04/1986 e n. 571134 del 19/07/1988 della Direzione Generale delle Tasse).

Si ritiene che tra i sistemi informatici di trasmissione del documento di trasporto sia compreso anche il telefax (vedi anche circolare Assonime n. 108 del 16.10.96).



Fatturazione Differita

Per avvalersi della fatturazione differita è necessario emettere un documento avente le caratteristiche di cui all'art. 3, del D.P.R. 472/96 che deve contenere:

- la data ed il numero progressivo;
- le generalità del cedente;
- le generalità del cessionario;
- le generalità dell' eventuale incaricato del trasporto (ditta/ragione sociale, domicilio fiscale, numero di partita IVA codice fiscale);
- la descrizione della natura, qualità e quantità dei beni ceduti.

Emettere fattura entro il mese successivo a quello di consegna o spedizione della merce, con l'indicazione del numero e della data del documento di trasporto.

Il D.P.R. 696/1996 già citato, all'art. 3, comma 3, prevede che lo scontrino fiscale, emesso al momento della consegna o, se antecedente, al pagamento del corrispettivo, e la ricevuta fiscale, in presenza di determinate caratteristiche, possono essere utilizzati per avvalersi dell'emissione della fattura differita. Le caratteristiche necessarie sono: per lo scontrino fiscale la specifica di natura, quantità e qualità dei beni ceduti ed il numero di codice fiscale dell' acquirente; per la ricevuta fiscale la semplice integrazione dei dati identificativi del cliente.

L'emissione della fattura differita dovrà avvenire entro il mese successivo a quello di esecuzione del trasporto.

La C.M. 249/E dell'11/10/1996 ha ritenuto possibile l'indicazione della data di formazione del documento; l'indicazione della data di esecuzione del trasporto è obbligatoria qualora questo avvenga in un giorno successivo a quello di formazione del documento stesso.

Si ricorda inoltre che ai sensi dell'art. 21, comma 4, del D.P.R. 633/72 è possibile riepilogare in un'unica fattura differita le cessioni effettuate nel corso del mese solare precedente facendo attenzione a ricomprendere solo quelle che hanno avuto la consegna o spedizione nello stesso mese.

Relativamente alla quantità da indicare è sufficiente l'indicazione in cifre e non anche in lettere.