Amministrazioneaziendale.com

Aspetto Finanziario della Gestione

Aspetto Finanziario della Gestione Aziendale

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

L'aspetto finanziario della gestione di un'azienda prende in considerazione quelle che sono le entrate monetarie relative alle attività aziendali e le uscite monetarie che sono necessarie per permettere all'azienda di vivere ed operare e raggiungere i propri scopi.

Restando nell'ambito dell'aspetto finanziario della gestione, i fatti di gestione vengono classificati in:

fatti effettivi: ovvero le entrate e uscite di denaro e cioè tutti quei fatti che originano entrate e/o uscite di denaro annoverabili nel normale svolgimento dell'attività aziendale e che portano a variazioni del patrimonio netto (esempio: il pagamento e la riscossione di affitti e rendite, spese per il personale, spese per le utenze, interessi ecc.) Sono altresì fatti effettivi anche le entrate e uscite di denaro straordinarie destinate all'acquisto di beni di uso durevole (esempio: immobilizzazioni materiali).

fatti per movimento di capitali: ovvero l'accensione, l'estinzione, il rimborso o la riscossione parziale di mutui attivi e passivi. O anche l'acquisto o la vendita di beni di reddito.

fatti per partite di giro ovvero le entrate e le uscite di denaro relative ad operazioni fatte per conto di terzi che non causano alcuna variazione nella situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell'azienda. (esempio: i contributi previdenziali e imposte sul reddito sottratte dalle retribuzioni poi versate agli istituti previdenziali e all'Erario).



La somma algebrica delle entrate e uscite di denaro all'interno certo esercizio commerciale dà come risultato l' avanzo o disavanzo finanziario. Questo risultato però, non rispecchia necessariamente le reali variazioni del fondo cassa dell'azienda in quanto sicuramente nel precedente esercizio saranno state presenti entrate e uscite di denaro con competenza relativa all'anno precedente, realmente però, pagate e/o incassate nell'anno in corso, che fanno variare la cassa senza alcun riscontro nella situazione finanziaria dell'anno in corso. E ancora ci potrebbero essere dei movimenti di denaro senza aver ancora ricevuto il documento o fattura che verrà poi ricevuta probabilmente nell'anno successivo.

Quindi alla fine di ogni esercizio viene calcolato non solo il risultato finanziario di competenza dato dalle entrate e uscite monetarie di competenza, ma anche il risultato finanziario della cassa relativo alle variazioni realmente subite dalla cassa per effetto di riscossioni e pagamenti anche di competenza di anni precedenti.

Il risultato finanziario di cassa può pertanto essere trovato sommando:

•  entrate e uscite di denaro di competenza dell'esercizio precedente con manifestazione finanziaria nell'esercizio in corso

•  entrate e uscite monetarie di competenza dell'anno che hanno avuto manifestazione finanziaria nell'anno