Amministrazioneaziendale.com

La contabilità industriale

La contabilità industriale

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La contabilità industriale è nata attorno al settanta, sotto la pressione della crescente necessità di avere informazioni dettagliate sui costi. In effetti, i mercati si ingrandivano, la concorrenza cresceva, le grandi industrie, spesso nate in un monopolio, e non potevano solamente produrre, ma hanno dovuto produrre al costo più basso, e (negli anni successivi), anche con una migliore qualità. Il primo passo è stato quello di contabilità dei costi o contabilità analitica.

La contabilità generale tiene conto delle operazioni che esistono tra la società e le società esterne non tenendo alcuna registrazione sulla fine che fanno per esempio le materie prime, i beni e servizi acquistati. La classica registrazione contabile di fatti di questo genere (fattura fornitore o fattura da pagare), prevede: un riga fornitore, una riga per l'imposta sul valore aggiunto, una riga di acquisto materiali o beni e servizi.


Non è sua responsabilità di sapere che fine hanno fatto tali materiali, o beni o servizi, e come sono stati utilizzati.

Ecco che qui entra in gioco la contabilità dei costi la cui funzione principale è quella dettagliare quello che è stato registrato nella contabilità generale, indicandone la destinazione, in caso di acquisto o la provenienza, nel caso di vendite.

Esaminare costi e ricavi su secondo destinazione e provenienza è la differenza fondamentale con la contabilità generale, che rileva invece solo per natura. Oggi, la tecnica di rivelazione analitica è ben definita e utilizzata strettamente legata alla contabilità generale, a livello di sistema informativo.

Ma in questo passo in avanti nella gestione aziendale manca ancora un tassello chiave, ovvero la tempestività.

Conoscere in dettaglio i costi da attribuire ad una unità produttiva, o macchina, o centro di lavoro, è utile per il futuro, ad esempio per il prossimo preventivo, ma non è utile alla gestione quotidiana, se tale informazione non è sufficientemente fresca.

Il problema di contabilità dei costi, è che non fornisce alcuna informazione fino a quando il fatto non è accertato o registrato dalla contabilità generale.

In altre parole, per la gestione interna sono più utili i dati tempestive e approssimativi piuttosto che dati esatti arrivati in ritardo. Il ritardo può impedire di sistemare in tempo una situazione non è favorevole, causando gravi danni alla società nel suo complesso. Qui entra in gioco la contabilità industriale, che, pur acquisendo tutta la massa possibile di informazioni dalla contabilità analitica e generale, ne crea e gestisce di proprie, approssimate, ma tempestive, quindi effettivamente utili alla gestione interna