Amministrazioneaziendale.com

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La mancanza di tangibilità è la caratteristica principale delle immobilizzazioni immateriali: ecco perchè vengono definite “immateriali”. Sono costituite da costi che non esauriscono la loro utilità in un solo periodo, ma manifestano i benefici economici lungo un arco temporale di più esercizi.

Le immobilizzazioni immateriali fanno parte del patrimonio dell'impresa o mediante la produzione all'interno dell'impresa stessa o mediante l'acquisizione diretta dall'esterno.


Nelle immobilizzazioni immateriali rientrano anche varie tipologie di costi che, pur non riferendosi all'acquisizione o produzione interna di un bene o un diritto, non esauriscono la propria utilità nell'esercizio in cui sono sostenuti. Nella prassi contabile tale tipologia di costi è stata spesso definita con la dizione “oneri (costi) pluriennali”. Di conseguenza le immobilizzazioni immateriali comprendono:

• i costi pluriennali che non si concretizzano nell'acquisizione o produzione interna di beni o diritti (costi di ricerca e di sviluppo e di pubblicità, costi di impianto e di ampliamento, ecc.);

l'avviamento;

• i beni immateriali (diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno, concessioni, licenze, nonché i diritti simili);

• i costi interni ed esterni sostenuti per beni immateriali in corso di produzione o di acquisto, compresi i relativi acconti.





Caratteristiche delle immobilizzazioni immateriali

I costi pluriennali generalmente hanno caratteristiche di indeterminatezza molto più marcate rispetto ai beni immateriali.

I beni immateriali hanno una propria identificabilità ed individualità e sono, rappresentati da diritti giuridicamente tutelati. In virtù di tali diritti, l'impresa ha il potere esclusivo di sfruttare, per un periodo determinato, i benefici futuri attesi da tali beni; essi sono suscettibili di valutazione e qualificazione autonome ed indipendenti dal complesso dei beni dell'impresa.





Rilevazione

Le immobilizzazioni immateriali sono iscritte nell'attivo patrimoniale solo se hanno le caratteristiche sopra descritte e si riferiscono a costi sostenuti, che non esauriscono la propria utilità nell'arco di un solo esercizio, e manifestano una capacità di produrre benefici economici futuri. Inoltre deve trattarsi di costi che possono essere identificati distintamente ed attendibilmente quantificati. Esse possono essere:

• realizzate internamente;
• acquisite a titolo di proprietà;
• acquisite a titolo di godimento.

Non è invece consentita la capitalizzazione di beni immateriali acquisiti a titolo gratuito. Valutare l'utilità pluriennale che può derivare da tali costi, nonché l'entità della stessa non è tuttavia semplice.

Inoltre per alcuni costi sono previsti dei limiti massimi per la loro ripartizione temporale. L'iscrivibilità di un bene immateriale o di un costo pluriennale é innanzitutto subordinata all'accertamento dell'utilità futura, compito demandato, oltreché agli amministratori, anche agli organi di controllo come il collegio sindacale. È il caso, dell'avviamento, dei costi di impianto e di ampliamento e dei costi di ricerca, sviluppo e di pubblicità, caratterizzati da un'aleatorietà maggiore rispetto ad esempio ai marchi, brevetti, concessioni o licenze.


Classificazione delle immobilizzazioni immateriali

La classificazione delle immobilizzazioni immateriali nel bilancio di esercizio deve rispondere all'esigenza di comprensibilità.

Nello stato patrimoniale i valori delle immobilizzazioni immateriali vanno tenuti distinti dalle altre sottoclassi di valori che concorrono a formare tale classe. Nell'ambito poi delle immobilizzazioni immateriali devono essere esposte separatamente le voci componenti. La sottoclasse delle immobilizzazioni immateriali comprende le seguenti voci:

1) Costi di impianto e di ampliamento
2) Costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità
3) Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell'ingegno
4) Concessioni, licenze, marchi e diritti simili
5) Avviamento
6) Immobilizzazioni in corso e acconti
7) Altre

L'ammontare complessivo degli ammortamenti e delle svalutazioni vanno dedotti direttamente dai valori originali delle immobilizzazioni immateriali, a cui gli ammortamenti si riferiscono, ed esplicitati nella nota integrativa. Nel conto economico gli ammortamenti vanno indicati nell'apposita voce dei costi della produzione