Amministrazioneaziendale.com

Collaborazioni coordinate continuative

Collaborazioni coordinate continuative

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Trattasi di una forma di lavoro autonomo, che ha alcuni requisiti quali la continuità, il coordinamento e la collaborazione nei confronti dell’attività del committente con svariate analogie rispetto al lavoro subordinato.

La giurisprudenza ha sintetizzato il contenuto degli elementi necessari per configurare quersto tipo di rapporto: la continuità, intesa come costanza dell'impegno e suo perdurare nel tempo; la coordinazione della prestazione, intesa come collegamento funzionale con l'attività del committente e come possibilità per il committente stesso di fornire istruzioni nel rispetto dell'autonomia professionale del collaboratore, e la personalità, intesa come prevalenza dell'apporto personale del collaboratore.


Nel 2003 sono stati creati i lavori a progetto stabilendo che le collaborazioni coordinate e continuative dovranno essere ricondotte ad un particolare progetto, programma, secondo la disciplina del lavoro a progetto.

Pertanto dopo il 2003 le collaborazioni coordinate e continuative scompaiono in gran parte nel settore privato e sopravvivono solo nel settore pubblico.

Le vecchie collaborazioni coordinate e continuative rimangono in vita anche per le seguenti figure professionali:


• agenti e rappresentanti di commercio;

• lavoratori che esercitano professioni intellettuali per le quali è necessaria l'iscrizione a specifici albi professionali (già esistenti al momento dell'entrata in vigore del decreto);

• componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società partecipanti a collegi e commissioni (inclusi gli organismi di natura tecnica);

• pensionati al raggiungimento del 65° anno di età;

• atleti che svolgono prestazioni sportive in regime di autonomia, anche in forma di collaborazione coordinata e continuativa;

• collaborazioni coordinate e continuative di tipo occasionale, ovvero di durata non superiore a 30 giorni con un unico committente, e per un compenso annuo non superiore a 5.000 euro con lo stesso committente;

• rapporti di collaborazione con la pubblica amministrazione;

• rapporti e attività di collaborazione coordinata e continuativa comunque resi e utilizzati a fini istituzionali in favore di associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano).