Amministrazioneaziendale.com

Durata del contratto di lavoro

Durata del contratto di lavoro

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Il contratto di lavoro si considera a tempo indeterminato, se il termine non risulta dalla specialità del rapporto o da un documento scritto.

In quest'ultimo caso, l'apposizione del termine non ha effetto se è fatto per eludere le disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato.


Se la prestazione di lavoro continua dopo la scadenza del termine e non vi è una volontà contraria delle parti, il contratto viene considerato a tempo indeterminato.

Salvo quanto diversamente previsto dalle norme aziendali, se il contratto di lavoro è stipulato per un periodo superiore a cinque anni, o dieci, nel caso dei dirigenti, il lavoratore può recedere trascorso cinque anni o dieci anni dando il preavviso nel termine e nei modi stabiliti [dalle norme corporative], dagli usi o secondo equità.

In mancanza di preavviso, il recedente è tenuto verso l'altra parte a un'indennità equivalente all'importo della retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso.