Amministrazioneaziendale.com

Collaborazioni occasionali

Collaborazioni occasionali

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La collaborazione occasionale è un contratto d'opera che ha la caratteristica di svolgersi non abitualmente ma saltuariamente e che produce un reddito. In altre parole, spesso il contratto di collaborazione occasionale viene stipulato tra un'azienda e un lavoratore che effettua una singola prestazione, non ripetitiva, che costituisce fatto occasionale. Chi presta l'opera agisce in assenza dell'osservanza di un orario di lavoro e, a differenza di quanto avviene nel lavoro autonomo, anche in assenza di rischio economico.


Tale reddito rientra tra quelli che la legge definisce "diversi", cioè non di capitale e conseguiti non nell'esercizio di arti, professioni o impresa, né da società in nome collettivo o società in accomandita semplice, né nell'esercizio di lavoro dipendente. Il compenso è soggetto alla ritenuta d'acconto (Irpef) del 20% ma non è soggetto a contribuzione previdenziale. La recente riforma Biagi sancisce l'ammissibilità delle prestazioni di lavoro occasionale. Definendole come rapporti di durata non superiore a 30 giorni l'anno con lo stesso committente e che prevedono un importo inferiore a € 3.000. I collaboratori occasionali sono iscritti alla gestione separata INPS solo qualora il loro reddito annuo derivante da attività di collaborazione sia superiore a tale soglia.


Normativa correlata: art. 2222 ss. cod. civ., D.P.R. n. 600/'73, L. n. 30/'03, D.Lgs. n. 276/'03, L. n. 326/'03, Circ. INPS n. 9/04.