Amministrazioneaziendale.com

Denuncia di malattia professionale

Denuncia di malattia professionale

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

La denuncia di malattia professionale deve sempre essere presentata alla Sede INAIL, dal datore di lavoro (indipendentemente da ogni valutazione personale sul caso), entro cinque giorni dalla data in cui ha ricevuto il certificato medico riferito alla malattia stessa.

Se il datore di lavoro fa la dichiarazione di malattia professionale per via elettronica, il certificato medico deve essere inviato solo su espressa richiesta da parte dell'INAIL nei casi in cui non è stato inviato direttamente dal lavoratore o dal medico certificatore


Il datore di lavoro, a cui l'Inail invia la richiesta specifica del certificato medico è tenuto a trasmettere tale certificazione entro 5 giorni.

Si prega di notare che:

Il lavoratore deve informare il datore di lavoro (o la società in carica) della malattia professionale entro 15 giorni dalla comparsa dei primi sintomi per evitare la perdita del diritto di risarcimento al giorno che precede la notifica.

Il datore di lavoro deve indicare il codice fiscale del lavoratore. In caso di mancata sottoscrizione o non corretti, sarà applicata una sanzione amministrativa di € 25,82

In caso di mancato invio, invio in ritardo, o informazioni inesatte o incomplete sarà applicata a una sanzione amministrativa da € 258 a € 1549. Per le presunte violazioni dal 1 ° gennaio 2007 è previsto un aumento di cinque volte di sanzioni amministrative.

Per tali casi, i nuovi importi sono i seguenti:
• Segnalazione mancante, tardiva, inesatta o incompleta da € 1290 al € 7745;
• Codice Fiscale è mancante o inesatto € 129.




Avvertenze

La denuncia telematica può essere usata per le malattie professionali:

• Industria, commercio e terziario e altro;
• Delle amministrazioni pubbliche di rapporto assicurativo specifico con l'Istituto.


Il servizio non è ancora attivo per i lavoratori:

• Con riserva di agricoltura permanente;
• I dipendenti pubblici che si applica "conto di gestione" e quindi non intestatarie qualsiasi posizione spaziale di assicurazione (PAT);
• Gli studenti di scuole pubbliche e private di tutti i livelli.