Amministrazioneaziendale.com

Retribuzione delle festività

Le festività

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Agli effetti della legge n. 370 del 22 febbraio 1934, sono considerate giornate festive tutte le domeniche oppure i giorni di riposo compensativo, quando vi sia obbligo per il lavoratore di prestare il suo normale turno di lavoro durante le domeniche.


Gruppo A: 25 Aprile (anniversario Liberazione), primo; maggio (festa del lavoro)

Gruppo B: Capodanno (primo; gennaio), Epifania (6 gennaio), Ognissanti (primo; novembre), Lunedì di Pasqua (mobile), Assunzione (15 agosto), Immacolata Concezione (8 dicembre), Natale (25 dicembre), S. Stefano (26 dicembre), Il patrono della localita' ove risiede l'unita' produttiva




Retribuzione delle festivita'

Operai - La legge stabilisce che tutte le festivita', eccettuate le domeniche, debbano essere pagate 1/6 dell'orario settimanale, cioe' 6 ore e 40 minuti. Tuttavia al fine di evitare una riduzione di guadagno all'operaio pagato a ore il sindacato ha sempre suggerito di richiedere:

a) 8 ore per le festivita' cadenti da lunedì a venerdì;
b) 6 ore e 40 minuti per le festivita' cadenti in sabato e domenica.

Tale impostazione e' stata accolta nel contratto Api, ma non da Federmeccanica. Anzi il contratto dell'impresa privata prevede l'esplicito pagamento di tutte le festivita' a 6 ore e 40 minuti. Tuttavia sono stati sottoscritti numerosi accordi aziendali che prevedono il pagamento delle festivita' a 8 ore. Agli operai, le festivita' debbono essere pagate anche quando coincidono con sabato e domenica.

Impiegati - Essendo stipendiato e retribuito in misura fissa mensile, l'impiegato ha diritto esclusivamente al pagamento delle festivita', quando queste coincidono con la domenica (1/26 della retribuzione mensile)