Amministrazioneaziendale.com

Statuto dei lavoratori

Statuto dei lavoratori

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Lo Statuto dei lavoratori è riferito alla legge n. 300 del 20 maggio 1970, intitolata "Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento", che è una delle norme più importanti del diritto del lavoro italiano.


La sua introduzione provocò notevoli e importanti modifiche sul piano delle condizioni lavorative ma soprattutto su quello che regola i rapporti fra i datori di lavoro, i lavoratori e rappresentanze sindacali; ad oggi costituisce, l'ossatura e la base di molte leggi e normative in materia di diritto del lavoro nel nostro paese.




Titolo I - Della libertà e dignità del lavoratore
Art. 1. - Libertà di opinione.
Art. 2. - Guardie giurate.
Art. 3. - Personale di vigilanza.
Art. 4. - Impianti audiovisivi.
Art. 5. - Accertamenti sanitari.
Art. 6. - Visite personali di controllo.
Art. 7. - Sanzioni disciplinari.
Art. 8. - Divieto di indagini sulle opinioni.
Art. 9. - Tutela della salute e dell'integrità fisica.
Art. 10. - Lavoratori studenti.
Art. 11. - Attività culturali, ricreative e assistenziali.
Art. 12. - Istituti di patronato.
Art. 13. - Mansioni del lavoratore

Titolo II - Della libertà sindacale
Art. 14. - Diritto di associazione e di attività sindacale.
Art. 15. - Atti discriminatori.
Art. 16. - Trattamenti economici collettivi discriminatori.
Art. 17. - Sindacati di comodo.
Art. 18. - Reintegrazione nel posto di lavoro.

Titolo III - Dell'attività sindacale
Art. 19. - Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali.
Art. 20. - Assemblea.
Art. 21. - Referendum.
Art. 22. - Trasferimento dei dirigenti delle rappresentanze sindacali aziendali.
Art. 23. - Permessi retribuiti.
Art. 24. - Permessi non retribuiti.
Art. 25. - Diritto di affissione.
Art. 26. - Contributi sindacali.
Art. 27. - Locali delle rappresentanze sindacali aziendali.

Titolo IV - Disposizioni varie e generali
Art. 28. - Repressione della condotta antisindacale.
Art. 29. - Fusione delle rappresentanze sindacali aziendali.
Art. 30. - Permessi per i dirigenti provinciali e nazionali.
Art. 31 - Aspettativa dei lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali provinciali e nazionali.
Art. 32. - Permessi ai lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive

Titolo V - Norme sul collocamento
Art. 33. - Collocamento.
Art. 34. - Richieste nominative di manodopera.

Titolo VI - Disposizioni finali e penali
Art. 35. - Campo di applicazione.
Art. 36. - Obblighi dei titolari di benefici accordati dallo Stato e degli appaltatori di opere pubbliche.
Art. 37. - Applicazione ai dipendenti da enti pubblici.
Art. 38. - Disposizioni penali.
Art. 39. - Versamento delle ammende al Fondo adeguamento pensioni.
Art. 40. - Abrogazione delle disposizioni contrastanti.
Art. 41 - Esenzioni fiscali.