Amministrazioneaziendale.com

Licenziamenti per giusta causa

Licenziamenti per giusta causa

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Affinché il licenziamento sia legittimo il datore di lavoro deve giustificare la sua decisione. Costituisce idonea giustificazione il licenziamento per giusta causa. Questo scatta quando si verifica una circostanza così grave da non consentire la prosecuzione, nemmeno provvisoria, del rapporto lavorativo (art. 2119 c.c.). In tal caso il datore di lavoro può recedere dal contratto senza l'obbligo di dare il preavviso, ne l’indennità di mancato preavviso. Si tratta di casi così gravi da provocare l’interruzione immediata del rapporto di lavoro (licenziamento in tronco).


Generalmente i contratti collettivi prevedono determinati fatti che legittimano il licenziamento senza preavviso: danneggiamento o sottrazione di materiali o impianti aziendali; rissa nei luoghi di lavoro; ingiurie e grave insubordinazione verso il datore di lavoro o violenze verso gli altri lavoratori.

Questi gravissimi inadempimenti agli obblighi contrattuali ma anche quei comportamenti extraziendali, devono determinare il venir meno della fiducia posta alla base del rapporto di lavoro. Il giudice, chiamato ad accertare la presenza della giusta causa, dovrà pertanto valutare in concreto la violazione dell’elemento fiduciario, più che lo specifico inadempimento del lavoratore.





La Giusta Causa

La giusta causa viene definita come un comportamento da parte del lavoratore che costituisce una grave violazione ai propri obblighi contrattuali, cosi grave da ledere insanabilmente il rapporto di fiducia tra lo stesso ed il datore di lavoro in modo da non consentire nemmeno la prosecuzione nemmeno temporanea del rapporto di lavoro.

La giusta causa quindi, è di fatto un licenziamento disciplinare cosi grave da troncare istantaneamente il rapporto di lavoro senza di preavviso. Il licenziamento per giusta causa deve essere intimato nella immediatezza dei fatti contestati, poiché il decorrere di un lasso di tempo eccessivamente lungo, tra i fatti imputati e la contestazione, può compromettere le possibilità di difesa del lavoratore.