Amministrazioneaziendale.com

Indennità in caso di morte del lavoratore

Indennità in caso di morte del lavoratore

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

In caso di morte del prestatore di lavoro, le indennità indicate dagli articoli 2118 e 2120 devono corrispondersi al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del prestatore di lavoro, ai parenti entro il terzo grado (c.c. 76) e agli affini entro il secondo grado (c.c. 78).

La ripartizione delle indennità, se non vi è accordo tra gli aventi diritto, deve farsi secondo il bisogno di ciascuno.


In mancanza delle persone indicate nel primo comma, le indennità sono attribuite secondo le norme della successione legittima (c.c. 565 ss.). È nullo (c.c. 1418) ogni patto anteriore