Amministrazioneaziendale.com

Lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi

Assunzione lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Per l'applicazione di questi benefici è necessario che lavoratori impiegati siano disoccupati da almeno 24 mesi. Dal 30 Gennaio 2003, con l'entrata in vigore del decreto legislativo n. 297/2002 di riforma del collocamento, lo stato di disoccupazione viene riconosciuto solo a quei soggetti che dichiarino presso il Centro per l'Impiego competente l'immediata disponibilità al lavoro.


La dichiarazione di disponibilità comporta un impegno di accettare le iniziative volte a promuovere l'occupazione del Centro per l'Impiego (opportunità di lavoro, tirocini, formazione professionale, di orientamento, migliorare la loro occupabilità).


Lavoratori

Disoccupati da almeno 24 mesi.


Contratto

Assunzione a tempo indeterminato anche se part-time. Il beneficio non è ammesso in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a termine precedente esistente


Datori di Lavoro

Tutti i datori di lavoro, ivi comprese le società cooperative, tenendo soci lavoratori subordinati. Non sono autorizzati le sostituzioni di lavoratori con pari professionalità licenziato o sospeso per qualsiasi ragione, tale disposizione non si applica, dopo 6 mesi dal licenziamento o sospensione.


Incentivo

Benefici contributivi:

• per le piccole imprese il 100% di riduzione degli oneri sociali a carico del datore di lavoro per 36 mesi;

• per i datori di lavoro diversi dalle piccole imprese il 50% di riduzione degli oneri sociali a carico del datore di lavoro per 36 mesi.

Dall'agevolazione è esclusa la quota a carico del dipendente che dev'essere pagata per intero, come tutti i dipendenti.


Benefici retributivi:

• per le piccole imprese 100% di riduzione dell'imponibile retributivo su cui calcolare il premio INAIL per 36 mesi;

• per i datori di lavoro diversi dalle piccole imprese il 50% della retribuzione imponibile su cui calcolare il premio INAIL per 36 mesi.


Modalità operative

La remunerazioni parzialmente esenti dal contributo (50%) vanno denunciate in sede di autoliquidazione del premio INAIL (da effettuarsi annualmente secondo le modalità previste Alpi on line - o inviando modello telematico 1031-1131), e devono essere indicati nel campo della "retribuzione complessiva", e in quella delle "unità di reddito parzialmente esenti", e in quello di "parte dettaglio delle retribuzioni parzialmente esenti".

Le quote totalmente esenti a contribuzione (100%) dovrebbero essere riportate secondo le modalità sopra indicate e sono solo nelle "dettaglio retribuzioni esenti al 100%." Qualora ci siano le condizioni, i salari di cui sopra possono essere indicati come "quote esenti" nel quadro C1 (denuncia di iscrizione – assicurazione lavoratori dipendenti e assimilati – dati retributivi).


Fonti normative:

Legge 407/1990, art. 8, comma 9; Circolare INPS n. 25/1991; Messaggio INPS n. 19018/1999; Circolare INPS n. 117/2003; Messaggio INPS n. 20399/2005; Circolare INPS n. 115/2005; Circolare INPS n. 77/2006; Circolare INAIL n. 57/1991; Guida INAIL all’autoliquidazione premi e contributi associativi (annuale)