Amministrazioneaziendale.com

Permessi per i donatori di sangue

Permessi per i donatori di sangue

Prima di iniziare con la lettura di questo articolo, mi permetto di consigliarti di scaricare gratuitamente la mia guida "25 Idee per rendere vincente la tua impresa" che ho preparato per aiutarti a gestire al meglio la tua attività, da un punto di vista fiscale e gestionale.

Al dipendente che dona il proprio sangue gratuitamente viene concessa una giornata di riposo, per quella giornata il lavoratore ha diritto alla retribuzione normale. Il datore di lavoro pagherà la retribuzione da versare al donatore di sangue con i contributi dovuti all'INPS.


Possono accedere a questo contributo tutti i dipendenti assicurati presso l'INPS con qualsiasi qualifica e appartenenti a tutti i settori di attività (anche se non ha diritto a malattia, compresi gli apprendisti, i lavoratori agricoli ..). Non è previsto per i lavoratori autonomi e quelli che si trovano nella gestione separata.




Requisiti

Alla fine del diritto ad un giorno di riposo e il relativo salario:

• Il prelievo di sangue deve essere effettuato presso i centri autorizzati (stabili o presso i centri di raccolta mobile, o in un centro trasfusionale o un centro di servizi per la produzione di emoderivati regolarmente autorizzati dal Ministero della Salute);

• il limite quantitativo minimo alla donazione è fissato a 250 grammi.




Misura

Il compenso spettante al lavoratore donatore di sangue viene quantificata in "24 ore dal momento in cui il lavoratore è assente per l'operazione di prelievo del sangue", ne consegue che il compenso spettante al donatore è quella corrispondente alle ore non lavorate, comprese nel giorno in cui lo sttesso non si recherà al lavoro. Il dipendente non può avere diritto ad alcun compenso se la donazione ad esempio verrà effettuata il sabato nel caso di settimana corta, o può avere diritto a una retribuzione inferiore se ad esempio dipendente che si assenta per la donazione esce in anticipo dal proprio posto di lavoro


La retribuzione è determinata come segue:

• per i lavoratori retribuiti non in misura fissa, il datore di lavoro deve corrispondere al donatore di sangue la retribuzione normale giornaliera totale da determinare ragguagliandola a quello corrispondente a 1/6 del valore contrattuale settimanale (1/5 in caso di settimana corta);

• per i lavoratori retribuiti a cottimo, a provvigione o altre forme di compensi mobili, si calcolerà il valore delle quote mobili sulla media oraria delle ultime quattro settimane.

Per i dipendenti percepiscono un fisso mensile, quattro , la remunerazione da corrispondere per il giorno di riposo si ottiene dividendo la retribuzione fissa rispettivamente i giorrni del mese;

• lavoratori (compresi quelli agricoli) nelle categorie per le quali, a fini assicurativi, esistono gli stipendi normali medi e convenzionali, la retribuzione effettiva.

Va notato che la retribuzione corrisposta per la giornata di riposo e di natura di indennizzo, quindi, non è tenuta a contribuzione. I compensi corrisposti ai donatori di sangue dovrebbero essere oggetto di contributi solo se il datore di lavoro non eserciti il 'diritto a chiederne il rimborso.




La domanda

Deve essere presentata dal datore di lavoro non obbligato alla denuncia contributiva o da artigiani che assumono tirocinanti solo presso la sede INPS di competenza. La domanda deve essere corredata, per ciascun donatore, dalla dichiarazione del donatore e il certificato medico.

Deve essere presentata all'ufficio INPS entro la fine del mese successivo al mese in cui il lavoratore ha donato il sangue. Per richiedere il rimborso, è stato predisposto il modulo sotto forma di domanda multipla.





Documentazione

Da allegarsi dal datore di lavoro, alla richiesta di rimborso INPS:

• un certificato, firmato dal medico che effettua il prelievo, rilasciato dal Centro Trasfusionale, dove hai fatto la donazione di sangue, che attesti :
- riferimento per l'approvazione del Ministero della Salute;
- la quantità di sangue prelevato;
- dati anagrafici del donatore (rilevati da un documento di identità valido, i cui dettagli che devono essere rilevati);
- la gratuità del dono, la data e l'ora del prelievo.

• la dichiarazione del donatore che dimostri la donazione gratuita di sangue e il godimento del giorno di riposo e la sua remunerazione;

elenco dei dipendenti che hanno donato il sangue nel corso del mese.




Le modalità di pagamento

A conguaglio
I datori di lavoro sono tenuti alla denuncia contributiva sorgere a conguaglio della remunerazione corrisposta ai donatori di sangue con i contributi e le somme dovute nei confronti dell' INPS entro e non oltre il mese successivo al mese in cui il pagamento per la donazione è corrisposta al lavoratore. Essa deve inoltre essere notificata all'ufficio competente dell'INPS un elenco delle retribuzioni per le donazioni di sangue conguagliate mesi. Anche per i lavoratori agricoli a tempo indeterminato le prestazioni per la donazione di sangue saranno anticipate dal datore di lavoro che ha chiesto il conguaglio.

Modalità di pagamento a conguaglio
L'importo pagato per i donatori di sangue dev' essere registrato dalla società in una riga vuota del quadro D del modello DM 10/2 come somme a credito del datore di lavoro, il codice COD S110 e la dicitura "donatori sangue del circolare 134367/81, paragrafo 5) Per i lavoratori agricoli a tempo indeterminato il datore di lavoro se anticipa la prestazione deve indicare nel modulo di dichiarazione trimestrale DMAG-UNICO, quadro F per ogni lavoratore il tipo di retribuzione (S per donazione di sangue, ecc.)

Diretto
I datori di lavoro non sono obbligati alla compilazione della denuncia contributiva e gli artigiani che occupano solo apprendisti ai fini della corresponsione del rimborso da parte dell'Istituto, sono tenuti alla presentazione della domanda al competente ufficio INPS. Il rimborso sarà effettuato dall' INPS attraverso il pagamento diretto. Per richiedere un rimborso, e 'stato predisposto modulo di domanda cumulativa.

Modalità di pagamento diretto
Il rimborso delle retribuzioni corrisposte per le giornate di riposo fruite dipendenti donatori di sangue deve essere effettuato all'indirizzo indicato dalla società con i mezzi ritenuti più idonei e veloci (assegno circolare / bonifico bancario o assegno di c / c postale). Se la società stessa ha espressamente inficato nella domanda anche il metodo di riscossione delle somme anticipate, l'ufficio, laddove non esistano impedimenti, può aderire alla segnalazione richiesta. La società deve indicare domanda una delle seguenti modalità:

• bonifico bancario o postale (IBAN);

• allo sportello di un qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale previo accertamento dell'identità del ricevente fatta tramite:
- un documento;
- il codice fiscale;
- la consegna del 'lettera originale di notifica della disponibilità del pagamento inviata ai dati tramite Postel con Posta Prioritaria.




I contributi

Per i giorni di assenza per donazione di sangue dovrebbe essere accreditata contribuzione figurativa.